Dati economici sempre piu’ gravi, scelte necessarie e ingovernabilita’ politica

Dati economici sempre piu’ gravi, scelte necessarie e ingovernabilita’ politica
[pubblico questo articolo da ANL (associazione nuovi lavori)], di Ferruccio Pelos

Non migliorano i dati dell’economia europea e l’U.E. si è affrettata a rivedere nuovamente le previsioni sulla crescita nei paesi dell’Eurozona, ammettendo che anche il 2013 sarà un anno di recessione. La ripresa rimbalza di nuovo, dalla metà alla fine del 2013, e non è detto che questo sia l’ultimo rinvio. A livello dell’Eurozona, infatti, il PIL del 2013 scenderà dello 0,3%, con una previsione positiva del +1,4% nel 2014. Dopo l’errore di previsione si usa la formula “le stime sono state riviste al ribasso” e si ricomincia.
Migliorano i mercati finanziari, ma l’attività economica non riparte perché è molto debole la domanda interna e lo continuerà ad essere fino al 2014. La disoccupazione nell’Eurozona, anch’essa a dispetto delle previsioni, sarà in salita per il 2013 al 12,2%, quota probabilmente stabile anche per il 2014.
A parte la situazione italiana, preoccupa l’Unione Europea, per bocca del suo Commissario per gli Affari economici il signor Olli Rehn, la situazione della Spagna con un deficit del 10,2% ed una previsione per il 2014 non di ridurlo sotto il 3%, bensì di portarlo al 7,2%. Anche in Francia, pur con un PIL che dal +0,0% nel 2012 passerà al + 0,1% nel 2013, il deficit invece del 3% si attesterà al 3,9%.
In Italia la disoccupazione passerà dal 10,6% del 2012 all’11,6% nel 2013 e fino al 12% del 2014. Si calcola che dal 2007 (anno pre-crisi) ad oggi si siano persi quasi 1,5 milioni di posti di lavoro di giovani fino ai 35 anni. Paradossalmente, invece, grazie alle riforme Monti – Fornero su pensioni e mercato del lavoro, si è ottenuta una esplosione dell’occupazione anziana con un incremento di 600.000 unità circa, rispetto alle fisiologiche uscite dal lavoro per pensionamento prima della riforma.
Parallelamente, aumentano ancora le partite IVA (spesso fasulle per abbattere i costi da parte dell’impresa, che li scarica sul lavoratore finto autonomo), crollano i contratti a tempo indeterminato e crescono quelli a termine;  aumenta così il dato dell’insicurezza e della precarietà di lavoro e di vita.
L’Ufficio Studi di Confartigianato(1) ha calcolato che, con i dati fissati nella Nota di aggiornamento dell’ultimo Documento di Economia e Finanza circa l’occupazione, serviranno ben 18 anni per tornare ai livelli occupazionali pre – crisi (2007 – 2025). Ma siccome nel 2025 si prevede che la popolazione sarà aumentata di più di 3 milioni di unità, il tasso di disoccupazione sarà ancora più alto dell’attuale.
La congiuntura italiana risente del calo degli investimenti, della stretta creditizia, del continuo peggioramento degli indici di consumo, di disponibilità di redditi da stipendi, salari e pensioni sempre più bassi. Il PIL scenderà da noi dell’1% nel 2013, mentre le previsioni fissano l’asticella del + 0,8% nel 2014.
Ci sono brutte notizie anche sul rapporto debito pubblico rispetto al PIL con il massimo del 128% nel 2013 ed un calo al 127,1% solo nel 2014. A fine 2012 il rapporto era del 126%. Tradotto dal lessico economico significa che, il solo perdere 1 punto di PIL nel 2013 farà salire il rapporto al 128%. Una politica recessiva, anche senza un aumento del debito, significa un rapporto sempre più alto, necessità di manovre correttive (più tasse e meno spesa pubblica), ancora meno consumi, ancora meno PIL e così via in un avvitamento continuo.
Più è alto il rapporto debito/PIL e più costerà l’adeguamento previsto dal fiscal compact(2) (pareggio di bilancio e venti rate annuali da pagare, oltre agli interessi sul debito, per ridurre il rapporto debito/PIL dall’ipotetico 128% del 2013 al vincolo tassativo del 60%). Nel nostro caso 128 – 60 = 68; 68 : 20 = 3,4. Ossia 20 rate annuali del 3,4% del debito in più, oltre gli interessi. Se il costo degli interessi può orientativamente essere annualmente di 80 – 90 miliardi di euro, il vincolo di allineamento del debito al 60% vuol dire altri 40 – 45 miliardi di euro l’anno per 20 anni.
Gli importi riportati in questo esempio non hanno alcuna pretesa di scientificità, inoltre dipendono da molteplici e variabili fattori, e sono solo indicativi per dare un ordine di grandezza dei vincoli del fiscal compact.
Il deficit, invece, scenderà dal 2,9% del 2012 al 2,1%, sia per il 2013 che per il 2014. Questo è l’unico dato positivo, in quanto dovrebbe farci superare la procedura per deficit pubblico eccessivo (superiore cioè al 3% del PIL).
Quello che sta succedendo è che il risanamento dei bilanci sta pesantemente compromettendo la crescita. Arrivare al pareggio di bilancio nel 2013 aggraverà la recessione, mentre si prospetta anche una nuova manovra correttiva molto pesante, in applicazione ai vincoli di consolidamento.
Diventerà sempre più difficile mantenere gli indici nei limiti previsti, in quanto il crollo dei consumi ridurrà le entrate dell’IVA, mentre la recessione ed il calo degli investimenti porteranno alla riduzione delle altre entrate fiscali, in quanto ci saranno meno lavoratori e meno imprese a pagare tasse e contributi.
Allora serviranno nuove entrate con più tasse (manovre) o minore spesa pubblica, innescando in tal modo una spirale che aggraverà ancor di più la situazione recessiva già presente e porterà ad nuovo giro di vite sull’occupazione, sui redditi e consumi, e sul livello del nostro welfare.
Sono istruttivi i dati che ci offrono Istat e Cerved sulla nostra situazione. C’è un rallentamento dell’inflazione ( al 2,2% su base annua a Gennaio 2013), ma le vendite al dettaglio sono cadute del 2,2% nel 2012 sul 2011. Mentre le vendite nella grande distribuzione organizzata diminuiscono del 2%, per il piccolo commercio si arriva al – 5,3%.
La crisi che dura ormai dal 2008 e la recessione in atto, stanno colpendo duramente le imprese. Secondo il Cerved, nel 2012 sono chiuse 104mila aziende: 12.000 per fallimento, 90.000 in liquidazione e 2.000 con procedure non fallimentari. Dal 2009 i fallimenti sono stati oltre 45.000 ed hanno interessato imprese prevalentemente nel settore industriale e in quello del terziario.

                                                                            ***
Mentre negli Stati Uniti, a 5 anni dall’inizio della crisi, gli indicatori economici sono tornati ai livelli  pre crisi (indici di borsa, PIL…) e si investe per sostenere occupazione e redditi, in Europa la politica liberista e recessiva della Banca Centrale imposta dalla Germania, sta pesantemente mettendo alle corde le economie, l’occupazione ed il reddito.
Il nostro paese paga più duramente a causa dell’enorme debito pubblico e del fatto che proprio fiscal compact e pareggio di bilancio dal 2013, rispetto al nostro debito, saranno due corde al collo all’economia del nostro paese.
Oggi i politici del centro destra, i più feroci contro l’Europa, l’euro e il fiscal compact sono proprio quelli che hanno firmato quelle intese troppo punitive per noi; che hanno invocato l’intervento della BCE; che hanno deciso di inserire il pareggio di bilancio addirittura nella Costituzione, quando bastava una semplice legge ordinaria; che l’hanno previsto per il 2013 (altri paesi l’hanno fissato più avanti negli anni) con una vocazione autolesionista e distruttiva per il paese; che hanno deciso l’introduzione dell’IMU. Salvo poi mentire spudoratamente in una campagna elettorale irresponsabile, scaricando tutte quelle scelte sul governo tecnico di Monti.
E’ molto difficile raccogliere e rimettere insieme i cocci di una situazione così pesante e difficile, quale quella presente nel nostro paese.
Occorrerebbe una guida politica capace di trovare un equilibrio tra risanamento e ripresa, riducendo il debito senza compromettere la crescita economica, come invece purtroppo  sta avvenendo. I risultati delle elezioni svoltesi domenica scorsa ci consegnano invece l’ingovernabilità ed una crisi politica gravissima.
Le necessarie misure di risanamento non sono pensabili senza il sostegno alla domanda interna e senza la ripresa di investimenti pubblici, per ricreare occupazione non assistita. Partendo dalle Pmi, uniche a saper creare occupazione; con finanziamenti mirati e agevolando il credito, anche con i finanziamenti della Bce, si avrebbero risultati sicuri in tempi relativamente brevi.
Andrebbero poi sbloccati i pagamenti della pubblica amministrazione ed aboliti i vincoli degli Enti locali “virtuosi” sui Patti di stabilità, facendo così partire investimenti per migliaia di progetti di piccola e media portata, ma capaci di rilanciare il lavoro sul territorio per le piccole imprese, con risultati sul fronte occupazionale.
O, ancora, non tagliare i trasferimenti agli Enti locali che sostengono il lavoro di migliaia di addetti della cooperazione che prestano servizi indispensabili per le comunità.
Non basta più dire che bisogna creare lavoro: bisogna pensare a iniziative nuove e non ordinarie per sostenere lavoro e reddito.

(1) Confartigianato   Ufficio Studi   Elaborazione Flash  05.02.2013
(2) Pelos F. (2012), Il mercato senza lavoro Edizioni Lavoro Roma, pp.19-20

Informazioni su Amedeo Levorato

Osservatore coinvolto
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Imprenditorialità, Morale e Società e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...